Coppiette di maiale: cosa sono e come vengono prodotte.

Questo prodotto tipico laziale nasce in nel basso Lazio, dalla quale si diffonde a macchia d'olio in tutto il Paese per la sua contraddistinta bontà. Le coppiette di maiale sono infatti prodotte dalle parti più nobili del suino, utilizzando quindi cosce, filetti o lombi, che vengono tagliate a striscioline larghe circa 1 centimetro e lunghe fra i 10 e i 20 centimetri. Vengono lavorate entro 1 o 2 giorni dalla macellazione e lasciate ad essiccare legate in coppia (da qui il loro nome) per circa due mesi, al termine dei quali vengono aromatizzate con peperoncino, aglio e finocchietto e rimesse a riposo in frigo per qualche ora. Finita questa lunga operazione, possono essere consumate.

Origini delle coppiette di suino.

Questo prodotto, nato appunto nelle zone più pastorali del Lazio, è nato per il fabbisogno della popolazione: le coppiette vennero utilizzate come snack durante i grandi percorsi, compiuti sia per raggiungere i mercati, sia per la pastoria ed diventarono un punto di riferimento colmo di energia per tutti gli avventori. Nel tempo si diffusero altre carni da utilizzare per la loro preparazione, fra tutte primeggiò la carne di maiale.

Calorie delle coppiette di suino.

Essendo prodotte dalle parti più magre del maiale, le coppiette di suino sono proteina pura e contengono solamente 240 calorie per una porzione da 100 grammi. Sono quindi raccomandate nelle diete iperproteiche o per gli sportivi che utilizzano grandi quantità di energia.

Come le coppiette di suino vengono servite oggi.

Essendosi diffusa abbastanza in fretta, questa preparazione si può trovare in differenti maniere in tutto il Bel Paese: possono essere lunghi fino a 30 centimetri, o bassi e più doppi, oppure aromatizzati in altro modo. Ma a seconda di dove ci si trova nel degustarle, è consigliabile siano servite con crostini veraci, dai forti sapori e del buon vino rosso.

Coppiette di suino: un'eccellenza.

Considerabile eccellenza nella preparazione delle coppiette è indubbiamente Ariccia, patria della porchetta e delle lavorazioni più spartane, infatti, ha un punto sopra molti altri luoghi dove vengono altresì servite. La zona dei Castelli Romani, ha infatti lunghissima storia e tradizione di preparazione e servizio di questo tipo di carni e ne fa da portabandiera a livello internazionale.

Le coppiette di maiale fanno parte della tradizione

In Italia abbiamo infatti una cultura culinaria non paragonabile al resto del mondo: il cibo che un italiano serve a qualsiasi palato curioso rimane nella storia. Le coppiette sono un esempio dell'ingegno della popolazione locale, che ha preferito inventare una preparazione del tutto nuova e senza precedenti, piuttosto che lasciare marcire il cibo che faticosamente aveva raccolto. Le coppiette di suino rappresentano la storia che è diventata tradizione e quindi eccellenza e meritano di essere degustate da qualsiasi palato che, assaggiandolo, possa comprenderne la vera identità ed essenza.