L’Italia per tutti è la patria del buon cibo. Il bel paese infatti è conosciuto in tutto il mondo per la dieta mediterranea e per l’"arte del saper stare a tavola". La buona cucina infatti è uno dei principali fattori che spinge milioni di persone all’anno a visitare il paese dello stivale, ma ormai è sempre più chiaro a tutti (visitatori compresi) che l’unicità e la bontà della nostra cucina dipende esclusivamente dalla grandezza delle nostre materie prime. L’Italia infatti non è solo il paese dei bravi chef e dei buon gustai, ma è anche e soprattutto il paese delle eccellenze gastronomiche come ad esempio il formaggio asiago, il parmigiano reggiano, la burrata, il prosecco o il radicchio tardivo di Treviso. Tutti prodotti unici, consumati e ricercati in ogni angolo del mondo e che grazie alla loro bontà ed esclusività arricchiscono quotidianamente il nostro bagaglio culturale e i nostri ricettari. Uno dei prodotti italiani più consumati e apprezzati in tutto il mondo che contribuisce ad aumentare il prestigio del nostro "paniere" di prodotti è sicuramente il pecorino romano, un formaggio prodotto tra Lazio e Sardegna che affonda le sue origini nell’alba dei tempi.

Origini del Pecorino Romano

Il pecorino romano affonda le sue origini nella storia più antica, infatti le prime testimonianze di questo formaggio risalgono all'Impero Romano. La bontà di questo formaggio è stata descritta dettagliatamente più e più volte da personalità illustri del calibro di Plinio il Vecchio e Publio Virgilio Marone.

Aree di produzione del Pecorino Romano

Le zone di produzione del pecorino romano interessano il centro Italia e nello specifico il Lazio, la Sardegna e la provincia Toscana di Grosseto. Grazie alla sua unicità e alle ristrette zone di produzione il pecorino romano può vantare la denominazione di origine protetta dal 1996.

Caratteristiche del Pecorino Romano

Il pecorino romano è un formaggio a pasta dura prodotto con latte fresco di pecora, intero e proveniente esclusivamente da allevamenti dell’area di produzione. La crosta del formaggio è sottile e di colore giallo chiaro, alcune volte per preservarla al meglio viene "laccata" con appositi prodotti per alimenti di colore nero o "neutro". Il pecorino presenta una pasta compatta e granulosa che può essere di color panna o color avorio. Generalmente questo formaggio va consumato dopo otto mesi di stagionatura, il suo profumo è intenso ma gradevole e al palato il suo gusto risulta deciso e piccante. Proprio per questo il pecorino romano è dei principi indiscussi della cucina italiana.

Ricette con il pecorino romano.

Cacio e Pepe: Uno dei piatti storici e più famosi della cucina laziale, dove il pecorino romano assieme agli spaghetti o ai rigatoni la fa da padrone. Gli ingredienti sono semplici e genuini; oltre il pecorino e la pasta ci va infatti soltanto il pepe. Ed è così che nasce uno dei piatti più gustosi di sempre.

Amatriciana: La storia dell’amatriciana è la storia del popolo romano. Questa pasta che prende il nome da Amatrice, un paese in provincia di Rieti, fa perdere le sue origini nella tradizione popolare ed è proprio per questo che è uno dei sughi più amati al mondo. Quello che rende unica l’amatriciana è sicuramente l’abbondante pecorino romano con cui viene servita, una vera gioia per il palato. Gli altri ingredienti del sugo sono pomodoro, guanciale e vino bianco.

Carbonara: Un altro "sugo" famoso in tutto il mondo ed estremamente caro a tutti gli abitanti dello stivale è la carbonara. Molti pensano che vada fatta con il parmigiano in realtà è proprio il pecorino romano il suo ingrediente principe che assieme a guanciale/pancetta e uova va a creare un altro caposaldo della cucina italiana.

Gricia: La gricia è l’antenata dell’amatriciana, la sua origine è molto discussa e tutt’ora causa di scontri campanilistici. C’è chi dice siano stati degli immigrati arrivati dal cantone svizzero dei Grigioni ad inventarla e chi invece gli abitanti di una frazione di Accumuli; quello su cui sicuramente tutti sono d’accordo è la bontà di questo condimento. Condimento in cui la parte dell’attore protagonista assieme al guanciale spetta ancora una volta al pecorino romano.

Fave e pecorino: Fave e pecorino romano sono una ricetta della tradizione popolare. La preparazione è molto semplice e non si tratta altro che un connubio tra il legume e il pecorino romano che mescolandosi assieme danno vita un piatto antico ma prelibato.

Crocchette cacio e pepe: Sono delle semplicissime e morbidissime crocchette di patate ripiene di cacio e pepe. Il procedimento è quello di una crocchetta classica solo che al momento di impastare le patate dovrai aggiungere due abbondanti manciate di pecorino romano e un po’ di pepe.

Gnocchi alla romana con pecorino: Il procedimento è molto semplice, devi fare dei normalissimi gnocchi alla romana (di semolino)  e una volta che li stai per informare cospargerli abbondantemente di pecorino romano.

Risotto asparagi verdi e pecorino romano: Questa è una ricetta che vuole unificare il nord con il sud Italia. Infatti si consiglia di utilizzare per il risotto i buonissimi asparagi di Terlano (Alto Adige) e al momento della mantecatura un’abbondante spolverata di pecorino romano.

Le ricette con il pecorino romano sono tante e tutte gustose, non ti resta che metterti ai fornelli e sbizzarrirti utilizzando questo fantastico prodotto che è il PECORINO ROMANO